Gas Naturale

Il Gas Naturale utilizzato nella vita di tutti i giorni, è trasparente e senza odore; queste caratteristiche rendono la miscela di idrocarburi non rivelabile dai sensi umani. Per questo motivo la legge italiana attribuisce un ruolo fondamentale all’odorizzazione del Gas Naturale per il tempestivo rilevamento di eventuali fughe. La valutazione dell’odore del Gas combustibile per uso domestico e similari viene effettuata facendo riferimento alla norma UNI 7133 “Norme per la sicurezza dell’impiego del gas combustibile” pubblicata ai sensi della Legge 1083/71.

Il principale componente del gas naturale è il metano, la più piccola fra le molecole degli idrocarburi. Normalmente contiene anche idrocarburi gassosi più pesanti come etano, propano e butano, nonché, in piccole quantità, pentano ed esano. Sono presenti anche modeste percentuali di gas diversi dagli idrocarburi, ad esempio anidride carbonica, azoto, ossigeno (in tracce), gas nobili e solfuro di idrogeno. Il solfuro d’idrogeno e il mercurio sono considerati i contaminanti più nocivi, che devono essere rimossi prima di qualsiasi utilizzo.

L’odorizzazione è un’indispensabile misura di sicurezza per tutelare gli utenti, garantire una rete sicura ed eliminare inutili sprechi: essa avviene mediante un processo di lambimento di un liquido dal caratteristico odore di gas secondo le norme UNI 7133-1-3-4:2012 e UNI 7133-2:2014. La norma UNI 7133-2 prevede due modalità per la valutazione dell’odore:
1) Metodo Rinoanalitico – misura intensità di odore
2) Metodo Gascromatografico – misura della concentrazione di odorizzante

Le sostanze odorizzanti sono tipicamente tetraidrotiofene (THT) oppure tert-butilmercaptano (TBM).

Sistema di analisi per metodo gascromatografico

Il sistema di analisi è costituito da un micro gascromatografo Fusion ed è utilizzato sia per il monitoraggio in continuo che per le analisi in campo del gas naturale. Il micro GC con tecnologia Auto-Sensing (FAST Technology) consente la rilevazione di analiti sia in alta percentuale che a bassi ppm in un’unica corsa analitica e su un singolo modulo GC. Il Micro GC Fusion è in grado di identificare il THT in basse concentrazioni nel gas naturale (come da normative UNI 7133: 32mg/m3 per THT).

Il cromatogramma (fig. 1) evidenzia la sensibilità di Micro GC Fusion nel quantificare l’odorizzante anche a concentrazione inferiore (THT: 5 ppm, 18 mg/Nm3) a quella tipicamente utilizzata nel Gas Naturale.

THT gas naturale

Fig.1 – Risultati analisi standard odorizzanti

Le caratteristiche di trasportabilità che contraddistinguono Micro GC Fusion permettono di minimizzare le perdite di campione e di tempo, causate dalla necessità di trasportare il campione in laboratorio.

 

Guarda nel dettaglio Micro GC Fusion